Associazione Costruttori Edili della Provincia di Napoli



Blog

Imu 2023 per l’edilizia

Nel ricordare che quest’anno scade il 18 dicembre – perché il 16 cade di sabato – il termine per il pagamento della rata di saldo dell’IMU per il 2023, ad eccezione dei fabbricati “beni merce” delle imprese edili non locati, che sono esenti dall’imposta, si comunica che è disponibile presso gli uffici associativi, un breve approfondimento dell’ANCE contenente le informazioni necessarie al pagamento del saldo IMU 2023 per le imprese operanti nel settore delle costruzioni.

Per gli altri immobili delle imprese edili (aree, fabbricati in corso di costruzione/ristrutturazione, fabbricati strumentali, immobili patrimonio) l’IMU si applica con l’aliquota di base, fissata all’8,6 per mille, con facoltà dei Comuni di azzeramento o innalzamento fino al 10,6 per mille.

Per l’esenzione dall’IMU per il 2023 per i “beni merce” delle imprese edili, occorre presentare la dichiarazione IMU entro il 30 giugno 2024, a pena di decadenza dal beneficio (cfr. il chiarimento del MEF a “Telefisco 2023”).

Si ricorda che il Modello di dichiarazione IMU, con le relative Istruzioni, è stato aggiornato con il D.M. 29 luglio 2022 e prevede specifiche indicazioni ai fini dell’esenzione IMU per i “beni merce” delle imprese edili.

Igino Carulli

Igino Carulli